Follow by Email

domenica 27 agosto 2017

c'era una volta l'Afghanistan - prima parte

cielo afghano
... mi hanno raccontato di una terra, un'antica terra molto più vicina a noi di quanto noi si possa immaginare supporre sapere. Una terra sconosciuta che non si vuol conoscere, terra delle origini che nei millenni tutto ha visto fiorire. Mi hanno raccontato di uomini in transito su di essa da occidente ad oriente da oriente ad occidente. Nel tempo. Mi hanno raccontato di una terra che lasciava all'eternità delle sue nevi sorelle dell'Himalaya, la facoltà di contemplare ruscelli incamminati a dissetare  valli sì che mandorli potessero fiorire  e gialli zafferano e tulipani. Incamminati ad ingrossare fiumi sì che potessero lambire deserti. Mi hanno raccontato di quanto, nelle sue notti, qualunque fosse la stagione, le stelle fossero così vicine da poterle toccare ancor più che con la fantasia delle fiabe. 
Mi hanno raccontato che in quella terra, allora e per molto molto tempo, tutto era scorso e trascorso come fosse sogno. E come in un sogno la sua via  s'era fatta culla di pensieri e d'arte.  E come in un sogno aveva visto Regni e Imperi e  polvere in un alternarsi di vicende nascoste tra le pieghe delle sue montagne o tra i granelli di sabbia dei suoi deserti. Mi hanno raccontato che a quel sogno l'uomo aveva attinto per scrivere pagine e pagine della propria storia, quella conosciuta al mondo del visibile e quella conosciuta al mondo dell'invisibile. Soltanto.
Mi hanno raccontato che nel tempo, quella terra, non una sola volta s'era trovata a difendere se stessa e le sue genti diverse e simili, poste lì a formare un grande mosaico umano, come fosse rappresentanza nell'economia dell'umanità. Mi hanno raccontato come, sempre nel tempo, se posta in ginocchio per via di menzogna o tradimento, quella terra avesse ripreso la sua postura verticale, come verticale, da sempre, era stato il coraggio dei suoi uomini. Lo stesso coraggio che, sin dalle origini fino a tempi recenti, li aveva resi pronti a sconfiggere armate d'ogni tipo, qualunque idioma l'invasore pronunciasse. 
Mi hanno poi detto come un giorno una follia criminale e burattino, abbia impugnato il vessillo della menzogna, che al bagliore di quella tenebra abbia invaso il cielo di quella terra con macchine volanti cariche di armi esplosive. Cariche di viltà. Mi hanno detto come tutto abbia preso avvio da quel settembre del primo anno del secolo XXI. Mi hanno detto che da allora i ruscelli di quella terra si sono arrossati, che così hanno fatto i fiumi, così i deserti. Mi hanno detto che i fiori hanno ora un unico colore: viola. Che la follia criminale, accusando altri, mentendo, ha invaso di viola quella terra, che il viola dilaga anche lì dove un tempo fiorivano mandorli, zafferano e tulipani. Mi hanno detto che il viola viene alimentato e alimenta la menzogna della follia e dei suoi adepti. Che il viola di quei fiori, antichi figli un tempo innocenti, ora avvelena le genti di quella terra, le giovani genti ancor più per poi trasferirsi ad avvelenare il mondo. Mi hanno detto che quei fiori si sono fatti arma. Mi hanno detto che per il profitto sprigionato da essi a nutrire la follia criminale e internazionale, in quella terra tradimenti seguono tradimenti, povertà povertà, malattia malattia, morte morte. Mi hanno detto che è per via di quel viola, innanzi tutto, che la follia criminale non lascerà quella terra, non permetterà alle sue genti di riprendersi la propria storia. Qualunque essa sia o possa essere. Fino alla fine dei giorni. Forse.  
Quel che non mi hanno detto è la speranza. Non mi hanno detto della speranza. La speranza che la fine giunga per la follia criminale ancor prima che per la storia di quella terra. No, non mi hanno detto dell'ultima Dea che riluce tra le stelle del suo cielo. Che riluce come le stelle del suo cielo. La Speranza. Ancora. Adesso. Nel suo incredibile cielo.
Marika Guerrini

Nessun commento:

Posta un commento