Follow by Email

lunedì 10 ottobre 2016

"Sulla Siria i media internazionali calpestano la verità" parole di Joseph Tobji

... "ora, adesso come ieri, prima e forse poi, l'impulso che si ripete nel prendere la penna e segnare quel che continua ad accadere interessando tragicamente i mondi d'oriente e d'occidente, è tacere. Seguire le parole segnate da K. Kraus nel suo Gli ultimi giorni dell'umanità: Chi ha qualcosa da dire si faccia avanti e taccia . Tacere.". E ancora:
"Alla Siria, dall'economia dell'universo, potrebbe essere stato affidato un gravoso, ma di grande utilità storico-evolutiva, compito: la rinascita dell'occidente. La Siria con il sacrificio di sé, il dolore della  sua gente, il dolore di migliaia e migliaia di sue anime bambine a cui  è stata strappata l'infanzia oltre che la loro storia, questo tutto così incredibilmente evidente, così manifesto al mondo, per motivi e movimenti che sfuggono all'umana misera ragione, potrebbe riordinare la storia. Il sacrificio della Siria potrebbe essere quell'illusione, quel qualcosa che accade nell'animo umano ad arrestare il corso dell'occidente nella discesa agli inferi. 
Stralci di una pagina di occiriente, una di queste pagine, parole tracciate il 7 febbraio di questo stesso 2016.  
Avremmo potuto fermarci prima, dovuto, non l'abbiamo fatto. 
Pagine e pagine abbiamo scritto sulla Siria, abbiamo scritto anche, come ora, d'aver scritto, lì avevamo un amico un tempo, le sue telefonate all'alba, chi ci segue lo sa, sa che Youssuf era il suo nome, ora non è più. Ma le pagine dell'alba, quelle da lui "dettate" sulla sua Siria, ci sono, ci saranno e continueranno ad essere finché la Siria sarà liberata dall'infamia di questa guerra. Stavolta però lasciamo ad altri la parola, una parola di sei giorni fa, parola pronunciata in sede del Senato d'Italia, alla III Commissione Esteri, pronunciata dall'Arcivescovo cristiano maronita di Aleppo. Parola segnalata ma non abbastanza. Lasciamo la parola ad una voce umana, veritiera, pulita, che giunge dalla guerra, non una guerra, la guerra. Chi non l'abbia già ascoltata o chi l'abbia, clicchi sul sito segnalato di seguito, si liberi da qualsivoglia pregiudizio o idea o quel che sia di qualsivoglia natura e ascolti quel che già sa, quel che  il mondo continua a fingere di non sapere, come il Ministro Gentiloni che condanna la Russia e al-Assad, ovvero la risposta, mentre collabora con chi  ha procurato l'attacco, chi quest'inferno ha deciso, scatenato e mantiene in vita.

Arcivescovo di Aleppo: "Sulla Siria i media internazionali calpestano la verità". PandoraTV

E' quel che accade quando la politica si sottomette alla teocrazia finanziaria, la menzogna si fa padrona, l'umanità viene sacrificata al profitto. I suoi frutti si fanno amari.
Marika Guerrini
immagine:web


Nessun commento:

Posta un commento