Follow by Email

lunedì 14 gennaio 2013

attentati a Quetta colpiti gli Hazara-seconda parte

...03,30 ora di Quetta, 23.30 circa ora di Roma. Il dolore corre sul filo, nelle immagini sfocate, è indicibile. Volti di donne, tante donne, oltre il velo che lascia scoperti i volti celati da lacrime, soltanto. Donne dalle spalle piegate nel peso della madre sorella sposa che ha perso parte della propria vita. E uomini, uomini nei bianchi shalwar, uomini dai volti tagliati dallo stesso dolore. E fiammelle di candele e fuochi di ceppi impossibilitati a riscaldare il gelo doppiamente pungente della notte che guarda bare scoperte su corpi avvolti in sudari, bianchi anch'essi, con scritte rosse. E' questo che stasera, stanotte s'è allungato nell'etere in suoni soffocati, in immagini sfocate da Quetta a Roma. E' questo che a migliaia di kilometri si sta vivendo: un indicibile dolore. Dolore reso ancora più indicibile, inconsolabile, dalla scelta del ritardo di sepoltura dei propri cari, la sepoltura a non breve tempo dal cessare della loro vita.
Ma l'occidente non sa o pochi in esso sanno cosa questo significhi per un musulmano. Pochi in occidente conoscono l'importanza del rito di sepoltura veloce nel loro credo. Veloce perché l'anima dell'estinto possa al più presto raggiungere il Bèhésht, l'Eden, ove iniziare in grazia celeste il suo lungo riposo. No, l'occidente non sa quanto quelle donne hazara, quegli uomini hazara abbiano sommato dolore a dolore quale estremo sacrificio, a che il mondo possa conoscere la disperazione della propria vita segnata da tempo, troppo, da stragi che, falciando uomini donne bambini, insanguinano il cammino del loro popolo. E' salito a 132 *il numero delle vittime di tre giorni fa, mentre un particolare distingue la recente strage: tutto questo dolore si è verificato a neanche sessanta giorni dall'incontro di Londra, lì, alla Camera dei Comuni, lì. al Parlamento del Regno Unito, il giorno 19 novembre 2012. Incontro-conferenza sul genocidio del Popolo Hazara specialmente in Pakistan, sì, proprio così. Lì, alla presenza di venti parlamentari britannici, esponenti d'ogni partito, lì, a parlare proprio di questo con esponenti di comitati, associazioni hazara e pro hazara nonché con Abdul Khaliq Hazara presidente dell'HDP, il Partito Democratico Hazara del Pakistan, lo stesso Khaliq Hazara che da due giorni ha iniziato lo sciopero della fame seguito da centinaia di altri donne ed uomini non soltanto di etnia hazara. Eppure lì, nel cuore di Londra, alla Camera dei Comuni in cui è difficile arrivare se non che per motivi di rilievo, si sono prese importanti decisioni di interventi per estirpare la malattia delle stragi hazara, si è parlato di Diritti Umani e dei Popoli, si è pensato all'ONU. Si è parlato, ipotizzato, pensato. 
Oh, sì, Bank-i moon, ora, da New York, ha condannato l'azione omicida di Lashkar-e Jhangvi, ennesima azione, sì, certo, sta di fatto però che il portavoce di Lashkar-e Jhangvi, rivolgendosi agli hazara di Quetta, ieri, solo ieri, ha detto: Vi stermineremo tutti prima della fine del 2013. Che è la precedente stessa minaccia con data 2012. Questa la risposta, risposta a tutto: conferenze, Onu eccetera, e, a dire il vero, occiriente pensa che la risposta, questa risposta, sia dovuta ad una sicurezza circa la libertà d'azione. E, così pensando e lasciandovi pensare, ferma qui questa seconda parte, ché, dato il perdurare della sacralità del momento tragico per gli hazara, si preferisce spostare alla prossima pagina l'analisi sui perché di questo genocidio con tutte le ipotesi e le tesi in merito. Ora rendiamo ancora omaggio al coraggio e alla dignità di questo popolo silenzioso e al suo indicibile dolore.
Marika Guerrini

* Rettifica: si chiede scusa: le ultime notizie confermano 96 il numero dei decessi. Meglio così!

foto, si ringrazia "hazara.net"

Nessun commento:

Posta un commento