Follow by Email

mercoledì 17 ottobre 2012

diretta Quetta -Roma

...sotto fiori sempre freschi, sempre nuovi...
...il cimitero è ordinato, le tombe in pietra grigia, bianca, color sabbia tacciono sotto fiori sempre freschi, sempre nuovi. E piccoli cumuli di pietre chiudono il cerchio della vita terrena per l'Islam sciita. E volti si mostrano in foto, volti sorridenti, severi, sguardi acuti, mai tristi. Giovani, giovanissimi molti. E donne e bambini. Sguardi mongoli nell'80% dei volti, nell'ottanta per cento sguardi hazara. E' il cimitero dei Martiri Sciiti. E' lì, a Quetta, Balucistan in Pakistan. La città di cui occiriente tratta spesso, da mesi. La città che compare sempre sul  lato destro delle sue pagine in " Finestra aperta...". La città scelta da molti Hazara afghani all'inizio del XX secolo quando quella terra era India e il Pakistan non era a sé. Scelta per mille motivi che i lettori di occiriente conoscono, scelta per essere sulla via verso l'Iran, lungo il pellegrinaggio sciita. La città in cui il genocidio del Popolo Hazara è ancora, e sempre, pane quotidiano. Ed è  stato così, ieri, nella diretta Quetta-Roma.
E la voce parlava, diceva: non possiamo uscire da casa, allontanarci da questa zona, molti hanno ritirato i figli da scuola, molti hanno chiuso i negozi. E' impossibile andare all'ufficio passaporti. Ogni giorno c'è un attentato, ci riconoscono.  Poi singulto, interruzione, silenzio. E a Roma il crollo della linea ha ingoiato il respiro. Poi lo squillo, la linea che torna, Quetta. Al mercato dei rottami quattro morti, uccisi. Dice la voce. Roma respira, chiede; chi? Hazara, risponde la voce, oggi quattro.
Parla della modalità, la stessa: moto spari e via, parla dell'inefficienza della polizia, la stessa. E' stato aumentato il pattugliamento di sicurezza, dice ancora la voce, non serve a niente. Non c'è niente da fare, fa gola questa nostra terra (pausa) le sue risorse naturali, troppe, aggiunge. A migliaia di kilometri Roma tace. E...prega.
Marika Guerrini

alcune pagine per chi volesse saperne un po' di più:
http://occiriente.blogspot.it/2011/10/hazara-genocidio-sulla-scacchiera.html  
http://occiriente.blogspot.it/2012/06/hazara-diritto-alla-vita.html http://occiriente.blogspot.it/2012/04/fermate-il-massacro-degli-hazara.html  

Nessun commento:

Posta un commento